Il Cammino dell’Eremita dei Tarocchi

Quando l’Eremita torna indietro nel mazzo dei Tarocchi, spesso lo fa per cercare qualcosa che ha perduto sul cammino. Ma quando lo trova non necessariamente lo raccoglie, perché è prudente e anche perché gli è sufficiente il suo ricordo. L’esperienza accumulata e il silenzio sono le sue più grandi doti; per il resto il vecchio si accontenta di poco, è frugale e essenziale come la capra che lo accompagna, ed è prudente e silenzioso come il grosso serpente che si avvolge lentamente a spirale attorno al suo bastone da pellegrino.

L’anziano Eremita è lento nel suo andare, ma non gli importa. Non parla, ma prega interiormente e chiede alla sua lanterna di illuminare sempre più la strada e la sua mente, in modo da capire sempre più le leggi che regolano la natura e tutto ciò che nei suoi lunghi anni ha sperimentato, compresa l’arte di curare e di aiutare il prossimo con l’esempio saggio di comportamento, e all’occorrenza con le erbe raccolte al solstizio.

Tarocco dell’Amore

Il Significato del Tarocco dell’Amore

Il sesto Arcano Maggiore può avere diversi nomi: L’Innamorato, Gli Amanti, o L’Amore. Questa carta spesso simboleggia incertezza, indecisione e una scelta da fare, anche se non sempre nell’ambito degli affetti. Tale significato deriva dal mito del omo della discordia, che spiega anche la presenza di una mela nella figura.

Un antico mito racconta che tre bellissime Dee dell’Olimpo trovarono una mela tutta d’oro con la scritta “alla più bella“, e subito cominciarono a litigare per quell’oggetto. Per decidere chi ne dovesse entrare definitivamente in possesso chiamarono il principe Paride di Troia e gli chiesero di scegliere la più bella tra di loro.

Paride scelse Afrodite-Venere, la Dea dell’Amore, che in cambio donò al giovane l’amore della donna più bella del mondo: Elena, già moglie del re di Sparta.

Scoppiò così la lunga e sanguinosa guerra di Troia che Omero ricorda nell’Iliade e nell’Odissea, rammentando anche a chi interpreta i Tarocchi che l’amore spinge a fare delle scelte, e che le scelte fatte provocano sempre delle conseguenze.